Polo bibliografico della ricerca

Dal 28 giugno 2016 alcune Biblioteche appartenenti a diversi Istituti di Ricerca del territorio sono entrate a far parte del Polo bibliografico SBN gestito dall’Università di Torino, dando così vita al Catalogo del Polo bibliografico della ricerca.
Il nuovo Catalogo del Polo bibliografico della Ricerca, così esteso ed integrato, ha lo scopo di migliorare l’accessibilità del patrimonio bibliografico presente sul territorio, incrementando la qualità e l’efficienza dei servizi,  garantendo economie di scala e un più ampio utilizzo di strumenti innovativi, resi accessibili ad utenti delle istituzioni del territorio e all’utenza esterna.
Il Polo bibliografico SBN gestito dall’Università di Torino, identificato dalla sigla  UTO, raggruppa già tutte le biblioteche dell’Ateneo ed è inserito funzionalmente in sistemi informativi locali, nazionali e internazionali, e nel corso degli anni ha perseguito una costante strategia di rafforzamento delle proprie potenzialità attraverso l’adeguamento delle infrastrutture e l’ampliamento della fruizione dei contenuti, anche digitali.

 

Le biblioteche dei diversi Istituti di ricerca del territorio entrate nel catalogo unico dell'Università di Torino sono:
- Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza - Polo '900
- Centro Studi Piero Gobetti - Polo '900
- Fondazione Carlo Donat-Cattin - Polo '900
- Istituto Piemontese Antonio Gramsci - Polo '900
- Fondazione Vera Nocentini - Polo '900
- Istituto di Studi Storici Gaetano Salvemini - Polo '900
- Ismel (Istituto memoria e cultura del lavoro, dell'impresa e dei diritti sociali) - Polo '900
- Istituto piemontese per la storia della Resistenza - Polo '900
- Rete italiana di cultura popolare - Polo '900
- Accademia di Medicina
- Accademia delle Scienze
- Fondazione Luigi Einaudi
- Fondazione Luigi Firpo.

 

Anche le Biblioteche dell'Istituto Nazionale di Ricerca Metrologica (INRIM), dell’Associazione Archivio Storico Olivetti e la Biblioteca Europea ”Gianni Merlini” entreranno a far parte del Polo bibliografico della ricerca.
In totale il Polo UTO incrementerà la propria base dati, attualmente consistente in  ca. 1.300.000 record, di più di 829.000 record, con una crescita percentuale del  70% rispetto ai record di materiale bibliografico cartaceo e del 39% rispetto ai record complessivi incluso il materiale elettronico.